L’acciaio è un metallo morbido

Le stanze
vuote
cariche
di profumo
d’incenso
e muri
impressi
dai tempi
tempi di musica
di raccolta
e di semina.

Qualche nota
stona
non m’affligge
a volte ravviva
i colori
sfuma la nebbia,
i tuoi fianchi
sfidano le ombre
e profumano
di vaniglia
di pepe.

A volte
il freddo
non ci abbandona
indugia in noi
come gabbiano
sul mare
in tempesta,
a volte nella mente
il desiderio di te
rovente
non si spegne.

Morbido
anche l’acciaio
si piega.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...