La mia vita alla Amundsen

La mia estate
é stata lunga
(fin troppo).
É si sa
troppo sole
troppa gioia
alla fine
feriscono
incidono
tracce profonde;
più d’un coltello
o d’una lama.

Adesso l’inverno
é lungo
le piogge bagnano
e annegano l’animo
ha ben poco da battere
il cuore,
scendono spruzzi
di freddo e neve
inaspettati.

E’ lungo quest’inverno
come si suol dire
(banalmente)
– non c’è più stagione
neppure per il cuore.

Lunghe distese
bianche
brillano nei miei occhi
ed il gelo é negli sguardi
anche nei miei forse…
Ma che importa
seguo la strada
che porta al mio polo
e quando lì
pianterò
il mio stendardo
riscalderà
il mio sguardo
e non mi sentirò più
solo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...