Il confine

E’ nel pugno stretto della mano
tra le rughe sottili e profonde
in un cenno del viso, un segno
con gli occhi intrisi di luce
o di lacrime che cercano mare.

Quel mare che ha segnato le sorti
sui cui solchi sfuggivano i sogni
e qualche sottile miraggio abbarbicato
su onde, onde enormi come destini
come avvenuti giorni bambini.

Anch’io dipingevo con gli occhi
le strade, e le pietre l’asfalto
non erano poi così grigi, né cupo
era il cielo nei giorni di pioggia
poiché nei lampi vedevo la vita.

E’ qui nel petto che batte e ribatte
tra le sponde, oceano di ricordi
silenziosi incapaci di spegnersi
e tacere, così come tace il confine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...